Lunedì 19 ottobre 2020 è andato in onda il terzo appuntamento della nuova era del Premiato Circo Volante del Barone Rosso. A guidare questo volo, come sempre, il padrone di casa, Red Ronnie, che ha accolto nello spazio libero del suo studio diversi ospiti, in una puntata all’insegna della buona musica live e dei racconti di verità.

barone-rosso-red-ronnie-live-streaming-diretta-il-cile
La serata inizia portando avanti la buona consuetudine che sta caratterizzando questa edizione, cioè conoscere gli artisti soprattutto grazie alla loro musica. Così, a diretta appena cominciata, il primo ospite è già pronto sul palco e si presenta con una canzone: “La ragazza dell’inferno accanto”. Si tratta di Lorenzo Cilembrini, conosciuto da tutti come Il Cile. Ascoltandolo, capiamo immediatamente che è riduttivo considerarlo solo il cantante di “Maria Salvador”. Quest’ultima è stata una hit del 2015, scritta insieme a J-Ax; la accenna anche stasera live, chitarra e voce, ma gli assi musicali che ha in serbo sono altri. Il Cile sul palco del Premiato Circo Volante si rivela essere un cantautore sensibile con buoni testi e bella voce. Nei suoi brani racconta di sé e del suo mondo in modo crudo e poetico insieme. Dice di vivere lo scrivere in musica come una catarsi, inseguendo il senso e la bellezza di ciò che comunica e non il successo. Di solito scrive per amore, dai tempi in cui incideva timide cassette con canzoni da regalare alle ragazze. Ritroviamo tutto questo nei brani che propone e che ripercorrono il cammino che ha intrapreso finora: “Sapevi di me”, dal suo secondo disco “In Cile Veritas”; “Cemento armato”, il suo primo successo radiofonico, “Era bellissimo”, dal suo terzo album “La fate facile” e, infine, “Buttami via”. Ha da mesi pronto un nuovo disco e nel periodo del lockdown si sono aggiunti altri brani: lo aspettiamo nuovamente per ascoltarli.

barone-rosso-red-ronnie-live-streaming-diretta-dottor-franco-fussi-foniatra-otorinolaringoiatria

Mentre il primo ospite era nella postazione live, è andato ad accomodarsi sul divano, un altro amico illustre di Red Ronnie: il Dottor Franco Fussi, noto nell’ambiente musicale, come “il mago della voce”. In quanto esperto in Foniatria e Otorinolaringoiatria, ha curato e consigliato tutti i più grandi cantanti: dai professionisti della lirica, ai nomi più conosciuti del panorama artistico italiano, come Lucio Dalla, Eros Ramazzotti, Ornella Vanoni, Gianna Nannini, Samuele Bersani… e tra i presenti in puntata, anche Red Ronnie e il Cile!
Red, circa due anni fa, ha frequentato il suo studio da paziente, ma non è venuto meno alla buona abitudine di documentare tutto, per cui ora mostra fotografie e video ripresi in quelle circostanze. Vediamo un’infinità di personaggi noti ritratti insieme al Dottor Fussi e dalle immagini traspare il rapporto amichevole e di fiducia che il luminare della voce è riuscito a stabilire con i suoi pazienti. I risultati delle sue cure poi, sono a portata delle nostre orecchie ogni giorno, ascoltando tanti degli artisti che amiamo.
Sapendo della presenza del Dottore in studio, Ivana Spagna e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro hanno inviato videomessaggi di saluto e ringraziamento e Red mostra anche questi contributi. Si aggiunge a sorpresa pure Enrico Ruggeri, che chiama al telefono e promette anche di partecipare al più presto alla trasmissione.

barone-rosso-red-ronnie-live-streaming-diretta-omar-pedrini-timoria1

È tornato a trovarci uno dei più grandi artisti amici e sostenitori dei programmi di Red Ronnie: Omar Pedrini. Subito il clima diventa ancora più informale e aperto alle commistioni: Omar entra in studio e va a conoscere il Dottor Fussi e poi annuncia di voler suonare qualcosa con Il Cile. Dietro le quinte, durante le prove, hanno scoperto la passione comune per i Nirvana e così li omaggiano regalando al pubblico una loro versione di “About A Girl”. Tra questa canzone e quelle che seguiranno, nelle parole di Omar fluiscono i ricordi e gli aneddoti vissuti al Roxy Bar ed è sempre un piacere riascoltarli. Il viaggio in tour bus che, grazie a Red, i Timoria fecero con i Motorhead o l’incontro, a base di stima reciproca e alcool, avvenuto tra Pedrini e Vasco Rossi sono tra le scene memorabili raccontate. Omar poi, interagendo anche col pubblico a casa, ci regala alcuni dei suoi brani, scelti tra i più famosi del suo repertorio, ma anche “chicche” inaspettate: inizia con l’immancabile “Sole Spento”, poi trasportato dal dialogo con Red e dai ricordi, accenna “Quando chiove” di Pino Daniele. Accontentando alcune richieste fatte dagli spettatori, esegue poi “Sacrificio”, che dice di non aver mai cantato live al posto di Renga, e “Via Padana Superiore”, tratta dall’album “2020 Speedball”. A proposito di questo Lp uscito nel 1995, non si può fare a meno di notare quanto sia stato profetico: Pedrini a ventisette anni immaginò il mondo in cui sarebbe vissuto Pablo, il suo primo figlio, alla sua stessa età… La visione a tinte distopiche che ne ebbe, risulta purtroppo molto calzante ai nostri giorni. Questa sembra in effetti essere la caratteristica degli artisti come Omar: semplicemente vedono prima ciò che accadrà e, senza rendersene conto subito, cantano canzoni che il tempo farà apparire importanti. Fa parte di queste creazioni “Senza Vento”, la canzone-simbolo di una generazione, con cui si congeda. È in uscita in questi giorni il disco “Omar Pedrini – Timoria – Viaggio Senza Vento Live in Milano”, registrazione dell’epica data al Fabrique tenutasi il 2 dicembre 2019. Si tratta della grande festa conclusiva di un tour che doveva durare un mese ed è proseguito per nove, come una gestazione… I fans-amici che lo seguono da anni sanno che Omar è solito dare vita a questo tipo di “figli musicali” che fanno storia e rappresentano un’epoca.

barone-rosso-red-ronnie-live-streaming-diretta-omar-pedrini-timoria-il-cile

Una puntata del Barone Rosso è bella e riserva scoperte fino all’ultimo istante. La conclusione di questa serata ci porta a conoscere meglio Fabio Curto. Non è un artista del tutto ignoto: chi segue i talent in tv, sa che ha vinto The Voice nel 2015 e i bene informati sono a conoscenza del fatto che si è aggiudicato l’ambito premio Musicultura nel 2020. Il suo talento non è rimasto nascosto alla Fonoprint, la prestigiosa sala di incisioni e produzioni di Bologna, che lo ha voluto tra gli artisti della sua scuderia. Fabio si è formato principalmente “on the road”, in anni di busking in giro per l’Europa a bordo di un furgone, ma ha il cuore ben radicato nelle sue origini calabre: è nato ad Acri, in provincia di Cosenza e spesso l’amore per la sua terra si percepisce nei testi delle sue canzoni. Il primo brano che esegue, infatti, è “L’altopiano”, dedicato appunto all’acrocoro della Sila. La sua seconda anima, però, è country e nel pezzo che propone a seguire, lo sentiamo a suo agio con “Hang Me in The Tulsa Country Stars” di John Moreland, come se fosse vissuto da sempre nei territori del Midwest degli Stati Uniti. Chitarra, armonica a bocca e tamburello da piede, questo giovane cantautore si presenta come un menestrello “one man band”. Alterna ancora una sua composizione, “Domenica”, a una cover, “The Hitter” di Bruce Springsteen, che sa raccontare e interpretare alla perfezione. Red Ronnie e Fabio Curti chiudono la puntata e augurano la buona notte sulle note dolci di una canzone del suo repertorio: “Il rospo innamorato”.

 

Articolo di Luisa Marchiaro

È possibile vedere il video completo di questa puntata del Barone Rosso su Red Ronnie Tv.

GUARDA IL VIDEO

Se non sei ancora abbonato fallo QUI e potrai accedere a tutte le dirette speciali, anteprime, archivio video creati da Red Ronnie