Barone Rosso puntata del 23 settembre 2019

Ospiti in studio: MORGAN, ALESSANDRO QUARTA, MEGAHERTZ

Lunedì 23 settembre 2019 è andata in onda la prima puntata della nuova edizione del BARONE ROSSO, che ha segnato anche l’inizio di una nuova era: lo studio è stato ampliato e rinnovato e RED RONNIE nel corso della serata ha annunciato alcune novità rivoluzionarie, come la neonata Red Ronnie Tv.
Come sempre, lo spazio libero del Barone Rosso ha ospitato artisti strepitosi, racconti e tanta musica, rigorosamente live.

morgan-bluvertigo-alessandro-quarta-red-ronnie-barone-rosso-roxy-bar
Dopo la sigla, il primo attesissimo ospite è già seduto sul divano: si tratta di MORGAN. Con lui, Red Ronnie ha invitato a sorpresa anche il violinista Alessandro Quarta e i due iniziano subito un dibattito su chi tra Bach, Beethoven, Mozart o altri musicisti classici, abbia gettato le basi del pop e del rock contemporanei. Sembrano in disaccordo, ma quando Morgan si sposta al piano e inizia ad esemplificare suonando, Alessandro lo affianca col violino e i due trovano subito un’intesa, grazie alla conoscenza musicale condivisa e al piacere di suonare insieme.
Di esempio in esempio, improvvisano e duettano sull’Ave Maria, che ha melodia di Gounod e armonia di Bach, su Stairway To Heaven, che eseguono come se fosse una sorta di danza medievale/rinascimentale. Poi parlando del plagio degli Spirit da parte dei Led Zeppelin, citato da Red, Morgan accenna “La canzone dell’amore perduto” e “Valzer per un amore” di De Andrè, anch’esse derivate da brani precedenti. Secondo Alessandro Quarta, invece, un plagio che non è mai stato dichiarato è “All By Myself” che prende spunto dal 2° Tempo di Rachmaninov.
I due artisti si capiscono al volo, pur parlando di cose tecniche, ed è bellissimo vederli comprendersi con un cenno e passare in un attimo dalle parole al suono. “La musica unisce”, come sottolinea Red Ronnie.
Red cerca poi di riportare ordine e frena il crescendo delle loro improvvisazioni musicali. Allora Morgan, accompagnato da Megahertz, esegue il brano “Me”, tratto dal suo album “Le canzoni dell’appartamento”. Anche in questo caso, in modo estemporaneo, Alessandro Quarta si unisce con il suo violino.

Mentre Morgan nel clima familiare del Barone Rosso, va a bersi un bicchiere di Moscato, conosciamo meglio ALESSANDRO QUARTA. Era già stato ospite della trasmissione, ma i tanti nuovi spettatori chiedono maggiori notizie. E’ stato Primo Violino nell’orchestra Symphonica Toscanini, diretta dal Maestro Lorin Mazel, ha suonato alla Scala. Ora ha preso la decisione di essere sé stesso, ovvero un musicista classico ben radicato anche nella contemporaneità, che indossa jeans e maglietta, accompagnati da catene ed anelli, anziché il frac. Sogna di tornare alla Scala con questo abbigliamento e il suo personale stile musicale.
Nel corso della puntata, apprendiamo anche che ha iniziato a suonare il violino a tre anni, imitando i fratelli maggiori, e che a undici anni già suonava nelle orchestre della sua città. Quando metteva i primi soldi da parte li usava per comprarsi le corde del violino, le lezioni e i biglietti del treno per andare a fare i corsi di perfezionamento. Sa che cosa significano lo studio e il sacrificio e auspica che in Italia ritorni a contar la meritocrazia.
In questi giorni si sta concludendo il trionfale tour italiano che lo ha visto a fianco de Il Volo con l’ultima tappa all’Arena di Verona.
Al Barone Rosso, accompagnato dal pianista Giuseppe Magagnino, esegue “Libertango” e più tardi “Fracanapa” e “Jeanne y Paul”, tratti dal suo ultimo album dedicato ad Astor Piazzolla. Subito Morgan ritorna e si unisce al duo suonando il basso. Lo stesso accade poco dopo in una particolarissima versione di “Besame mucho”, in cui, oltre al violino, al piano e al basso, si aggiunge anche il theremin, suonato da Megahertz. Questo particolare strumento elettronico, rimane, insieme al vocoder, anche nel brano seguente: “Crash”, tratto dal repertorio di Morgan.
Quest’ultimo, si siede poi nuovamente sul divano insieme a Red Ronnie e racconta della “legale, ma ingiusta” vicenda dello sfratto che ha subito. Canta poi la sua bellissima “Altrove”, accompagnato da Megahertz.
Prima di congedarsi, parla dei suoi attuali impegni, come il suo programma “Cantautoradio”, in onda su Rai Radio Due ogni sabato sera, il suo sito morgandoc.it in cui esprime quotidianamente la sua creatività e la sua prossima conduzione del Premio Tenco, per il secondo anno consecutivo.
Visto il suo legame con la musica d’autore, Red gli chiede ancora un brano, e lui ne regala ben due: “Marianne” e “La colomba” di Sergio Endrigo. Infine canta “Shine On You Crazy Diamond” dei Pink Floyd, con l’accompagnamento di Megahertz.
Nel salutarlo, Red gli offre dei prodotti Mielizia e ne deriva un momento divertentissimo in cui Morgan fa conoscenza a modo suo con i buonissimi prodotti.

In effetti, Mielizia, sarà nuovamente partner del Barone Rosso e per festeggiare questo ritorno, è presente in studio Nicoletta Maffini, responsabile vendite e marketing del Consorzio Conapi. Come abbiamo imparato gustando i suoi prodotti già nella scorsa stagione, Mielizia non è solo miele, ma molto di più! Produce composte di frutta, integratori alimentari a base di propoli, caramelle balsamiche, barrette energetiche e, ultimamente, anche gelato dolcificato solo col miele e frollini. Questi ultimi verranno distribuiti a breve in ben quattro tipologie diverse: integrali di farro, semintegrali con gocce di cioccolato, cacao con gocce di cioccolato e grano saraceno con frutti rossi.

Terzo grande ospite della serata, che ha già affiancato gli altri artisti nella postazione live del Barone Rosso, è MEGAHERTZ. Polistrumentista poliedrico, che abbiamo più volte apprezzato come spalla di Morgan e come solista, in questa prima puntata della nuova edizione, ci propone anche due brani, scritti da lui per il suo gruppo, i Versus: “Versi nel bicchiere” e “Cosa ti aspetti da questa notte”. Per il finale di quest’ultimo ha contribuito anche Franco Battiato ed entrambi i pezzi sono contenuti nell’album intitolato “Retroattivo”.
Durante le prove, Red Ronnie aveva notato un inconsueto e riuscito duetto tra Alessandro Quarta al violino e Megahertz al basso e chiede di riproporlo in diretta. I due musicisti allora suonano due brani in omaggio di Micheal Jackson: “Smooth Criminal” e “Billie Jean”.
Daniele Dupuis, in arte Megahertz, però è anche “un musicista in prestito alla scuola” e deve rientrare in tempo per insegnare, quindi il duetto si congeda eseguendo “Sound and Vision” di David Bowie.

Red Ronnie prima del termine della puntata, presenta anche il suo nuovo canale televisivo Red Ronnie Tv, visibile in abbonamento sulla piattaforma Teyuto. Conterrà dirette speciali, anteprime, i nuovi reportage in versione integrale, un immenso archivio video con materiale introvabile, anche inedito, e le puntate storiche di tutti i programmi creati da Red Ronnie, come Bandiera Gialla, Be Bop A Lula, Help e Roxy Bar.
Inoltre, lo studio del Barone Rosso ospiterà anche nuovi programmi, come le attese trasmissioni sui vinili e darà spazio ad artisti emergenti, come avverrà a partire dal 9 ottobre, con l’annunciato programma “Red & Blue Night”, a cura di Marco Stanzani e Red Ronnie.

La chiusura della serata è affidata ad Alessandro Quarta e al pianista Giuseppe Guadagnino all’insegna del jazz di Chick Corea, seguito da un’improvvisazione blues e da una favolosa “Ogni volta” di Vasco Rossi, realizzata con un’inedita combinazione di violino e pianoforte.

 

Articolo di Luisa Marchiaro

È possibile vedere il video completo di questa puntata del Barone Rosso su Red Ronnie Tv.

GUARDA IL VIDEO

Se non sei ancora abbonato fallo QUI e potrai accedere a tutte le dirette speciali, anteprime, archivio video creati da Red Ronnie